Note di narciso

Tra i rimedi per superare il dolore derivante da una relazione patologica, ci sono le canzoni. Il mondo dei cantautori non è estraneo a questo genere di sofferenze. Se ascoltati con attenzione, i testi possono rispecchiare situazioni ben note e correre in aiuto. Serena, lettrice di Relazioni Pericolose, ha inviato al blog un contributo e ha proposto, come rimedio terapeutico, significativi passaggi di sette canzoni, una al giorno. Chissà che non riesca a sortire qualche effetto benefico anche su di voi.

Parole di burro (Carmen Consoli) descrive molto bene lo stordimento che si prova nella fase di idealizzazione e di love bombing. Quando si è sotto incantesimo, si finisce con il credere a chi si ha di fronte ed è in quel momento che il narcisista sferra il primo colpo.

Raccontami le storie che ami inventare, spaventami

raccontami le nuove esaltanti vittorie
Conquistami, inventami
dammi un’altra identità
stordiscimi, disarmami e infine colpisci

abbracciami ed ubriacami
di ironia e sensualità.

 Narcissus (Analis Morrissette) è emblematico del raggiungimento della consapevolezza, primo step verso la rinascita. Ormai è tutto chiaro:il narciso recita un ruolo, imita i sentimenti, è avulso alla vergogna e ai sensi di colpa.

Caro piccolo “sono tutto io”, so che non sei veramente
impegnato nella soluzione di un conflitto
O a vedere le due parti di ogni equazione
O ad avere una conversazione ininterrotta

E ogni discorso sulla salute
E ogni discorso sulla relazione
E ogni discorso sulla soluzione di questa
Ti fa venir voglia di scappare

Perché, perché mi ostino a cercare di amarti
Cercare di amarti quando in realtà tu non vuoi che io lo faccia

Caro ragazzo egoista non hai mai veramente dovuto affrontare le conseguenze…
Non sei mai stato con qualcuno per più di dieci minuti
Non hai mai capito chi resiste
Caro ragazzo popolare so che sei abituato a ottenere tutto così facilmente…
Estraneo al concetto di reciprocità
In questa società la gente rende onore ai ragazzi come te

Minuetto (Mia Martini) non è una canzone esplicita sul narcisismo, ma rende bene l’idea di quanto alto sia il prezzo da pagare in una relazione tossica.  

Rinnegare una passione no,
ma non posso dirti sempre sì e sentirmi piccola così
tutte le volte che mi trovo qui di fronte a te.
Troppo cara la felicità per la mia ingenuità.
Continuo ad aspettarti nelle sere per elemosinare amore…

Lucky man (the Verve)

Felicità,
più o meno,
è solo un cambio in me,
qualcosa nella mia libertà.
Oh, la mia, la mia,
felicità,
venendo e andando,
ti guardo osservarmi,
guardo la mia passione che cresce,
so solo dove mi trovo
.

Trouble di Coldplay

Oh no, ora capisco
È la ragnatela, e ci sono io nel mezzo
E mi attorciglio e mi giro
Ma sono sempre qui, nella mia piccola bolla

Ah, non avrei mai voluto causarti dei guai
Ah, non avrei mai voluto farti del male
Beh, se mai ti avessi causato dei guai
Oh no, non avrei mai voluto ferirti

Loro filavano una ragnatela per me
Loro filavano una ragnatela per me

Creep (Radiohead)

..non importa se ferisce
io voglio avere il controllo
voglio un corpo perfetto
voglio un’anima perfetta
voglio che tu noti
quando non sono in giro
tu sei così maledettamente speciale
io avrei voluto essere speciale

ma sono una persona sgradevole,
sono uno strano
cosa diavolo sto facendo qui?
io non appartengo a questo posto

Il testo di “Il Narciso” di Giorgio Gaber merita di essere riportato integralmente.

Ma no ma no, per carità, vedi cara, io non capisco tutto questo parlare di sesso, di angoscia di nevrosi, ma no no no, per me l’amore è una cosa normale, si, uno lo può fare con chi vuole, donne, uomini, animali… caloriferi…va bene tutto, è vero, ma solo che, come spiegare, io con te, insomma io con una donna
Io con una donna mi sento
mi riconosco mi ritrovo mi invento
mi realizzo mi rinnovo mi miglioro
perché io con una donna mi innamoro.

Io mi innamoro, perché voglio dire, questo, questo mio corpo, eh, eh cioè praticamente mi spiego meglio, scusa cara, ecco vieni, vieni, vieni un attimo, ecco tu sei qui davanti no, bella stupenda, meravigliosa, così, allora io subito, abbraccio, e queste mie spalle, questo mio corpo, ahhhhh, stimolante, questi miei peli che eccitazione, è tutta una roba…Dio, come mi amo!
Io con una donna ho più coraggio
mi accarezzo mi tocco praticamente mi corteggio
mi incammino verso il letto e penso a dopo
perché io con una donna… mi scopo!

Aaaah! Che potenza! Come sto bene, una bestia. Beh, chi è questa qui? Da dove viene? Ero qui che mi amavo!… Mezza nuda, senza sottana… Cosa vuoi? Vuole i bacini, la puttana!

Si d’accordo d’accordo, sono un po’ egoista certo, ma non è mica sempre una qualità negativa, no, per un’artista per esempio, è essenziale.
Lei sarebbe giusto, mi disse un critico, è distaccato e egocentrico, dovrebbe solo essere un po’ più serio, cerchi di sensibilizzare il dolore, la disperazione. La faccia è abbastanza patita, lei è nato per fare la persona colpita da grave lutto, ma mi raccomando, soffra. La cultura lo esige. La cultura, ne ha ammazzati più la cultura, della bomba atomica.

Serena

10 thoughts on “Note di narciso

  1. Dopo un’ esperienza devastante come può essere quella con un narcisista manipolatore, e dopo aver scoperto questo blog così salvifico… mi ritrovo tutti i giorni ad entrare su questo amato sito per cercare spasmodicamente qualche altro articolo da leggere, e, quando non ne trovo, leggo rileggo e rileggo ancora tutti gli articoli fino quasi a saperli a memoria insieme anche a tutti i commenti.
    Ed ogni volta mi sorprendo a scoprire come tante persone siano, come me, cadute nella rete di soggetti del genere…. e mi stupisco ogni volta che leggo, di quanto siano tutte uguali le esperienze e le ferite subite e la devastazione, …per tutte/i noi ..
    Usciamo dal tunnel mie compagne di sventura…. mettiamocela tutta per tornare a vedere la luce, per lasciar sfumare la rabbia, per perdonare noi stesse di aver permesso un simile maltrattamento… e compatiamo , con tutta la solidarietà di cui disponiamo, l’attuale vittima del nostro predatore, a qualunque livello ora si trovi, augurandole di ritrovare al piu presto il proprio centro, la consapevolezza e la lucidità di guardare in faccia la realtà per poi potersi mettere in salvo….
    Perdoniamo e soprattutto perdoniamoci….
    lasciamo andare tutta l’esperienza, facciamola sedimentare … buttiamo i residui e teniamoci solo l’insegnamento che ognuna di noi deve trarne…
    e non permettiamo mai piu a nessuno di farci sentire cosi svalutate!
    Grazie di cuore a questo blog … senza il quale non so se sarei riuscita ad uscirne indenne…
    Mina
    27 ottobre 2016

    Liked by 1 persona

    • Mina, bellissimo leggere il tuo post! Si, é fondamentale confrontarsi con altre vittime. Anche per me questo ha giocato un ruolo fondamentale, e continua ad essere il mio quotidiano luogo sicuro in cui mi sento capita. Non posso pensare a come avrei potuto farcela in tempi diversi e senza questi strumenti che ci mettono in contatto. Dici benissimo che dobbiamo perdonarci. É nornale fidarsi della persona che amiamo, solo che non avevamo idea che esistessero individui che fingono una relazione d’amore a scopo unicamente manipolativo. Mina ti abbraccio, e anche se lo sai giá ti dico ancora che non sei sola in questa esperienza di vita estrema. Astra ha fatto e continua a fare un lavoro preziosissimo per tutti noi!

      Liked by 1 persona

  2. Segnalo “Bella senz’anima” di Cocciante e,ancor di piú, “La strega” di Vasco Rossi.Naturalmente sono stato vittima di una maledetta narcisista perversa.Devastante.

    Mi piace

  3. Peccato che dopo l’estate non abbiate praticamente pubblicato più nessun articolo, solo quello di un mese fa. Eravate d’aiuto a tutte/i noi che abbiamo avuto la deleteria esperienza di vivere amori altamente tossici. Che dire…spero che torniate presto

    Mi piace

    • Cara Antonella, sono sempre con voi pronta a darvi una mano. Relazioni Pericolose è sempre aperto sul mio computer e come vedi sono pronta a rispondere e a darvi conforto in “diretta” e in tempo reale. Sono super-assorbita in studi di psicologia al fine di potervi meglio aiutare e con un titolo accademico in mano. Non credere che questo blog sia stato lasciato a se stesso. E’ mia intenzione continuare nell’opera di contrasto a queste dinamiche e studiare nuove metodologie per indicare a voi tutti percorsi veloci di uscita da queste difficili strettoie. Lo scrivere richiede tanto, tanto tempo e anche se Relazioni Pericolose sembra frutto di un lavoro immenso, ti stupirà sapere che dietro tutte queste pagine c’è solo Astra. Prometto che non appena riemergerò dall’apnea di questi mesi, tornerò a scrivere, per te e per tutti gli altri. Grazie per le tue bellissime parole.
      Astra

      Mi piace

  4. I brividi… Dopo la prima fase di ” love bombing” ha iniziato quasi ogni giorno a canticchiare creep (Radiohead ) … Per oltre quattro anni… Lo ascoltavo con una sorta di malinconia perché l’associavo al distacco affettivo …. Ma se penso che fosse consapevole del significato mi spaventa😰

    Mi piace

    • Avete mai ascoltato “tu mi porti su” di Giorgia? Lui me l’ha fatta ascoltare ridacchiando e dicendo “oooh… questa canzone va ascoltata..questa é bellissima!”

      E adesso provate a sentire “vanità” sempre di Giorgia

      Vengono i brividi.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...