Bombe d’amore

 

All’inizio nessuno si fa sedurre da critiche e violenza. Se uno psicopatico attaccasse la tua autostima al primo incontro, lo manderesti subito a quel paese. Le relazioni con questi personaggi girano intorno all’utilità e al potere. Sarai usata per soddisfare qualsiasi sua necessità che sia sesso, denaro o una copertura di normalità e sarai tenuta al tuo posto a concentrarti sulle tue debolezze e insicurezze su cui lui farà leva. Tuttavia, nessuna relazione con uno psicopatico inizia in questo modo. Al contrario, una volta puntati gli occhi su di te come bersaglio preferito del momento (il suo “premio”), darà vita a una storia d’amore. Non sarà mai sazio, vorrà vederti e fare l’amore in continuazione. Ti lusingherà costantemente, confesserà che nessuna donna con cui sia mai stato è così intelligente, bella ed elegante come te. Sarai il solo, vero amore della sua vita. L’unico. Le vittime tendono a credere a tutto visto che, dopotutto, a chi non piace sentirsi dire cose così belle e rincuoranti? E non si pongono l’unica domanda che c’è da porsi: perché mi fa tutti questi complimenti?

Invece, è questa la prima domanda che dovresti farti qualora fossi love bombed, bombardata cioè da un corteggiamento asfissiante. Quanti individui equilibrati lo metterebbero in atto? E cosa mai ti rende così speciale rispetto alle altre donne del mondo e ti fa essere la più bella, la più brillante e la più sexy? Non potrebbe esserci un’altra ragione dietro a tutto ciò? Non potrebbe dire a tutte le stesse cose? E se fosse così, perché? Per dimostrarti quanto irragionevole sia il love bombing e perché dovresti usare molta cautela quando ti capita, mi rifaccio a un paio di esempi. Diciamo spesso ai nostri bambini di non parlare con gli sconosciuti che offrono loro caramelle. Quegli individui sono probabilmente predatori sociali, pedofili. Perché le donne adulte accettano un corteggiamento così audace senza battere ciglio? Il consiglio che danno ai loro bambini non dovrebbe applicarsi anche a loro?

Secondo esempio: negli anni ‘70 tante donne facevano l’autostop senza chiedersi perché lo sconosciuto in questione fosse così carino e desse loro un passaggio. La maggior parte delle volte non succedeva niente, ma in tante altre andava diversamente. Alcune venivano caricate a bordo da predatori sociali- stupratori e anche assassini, la cui carineria era solo un pretesto. E’ una questione di fondo: la maggior parte delle persone normali non ricorre al love bombing. Non dà vita a adulazioni estreme. Non fa promesse di eterno amore su due piedi. Non ti chiama amore della sua vita senza nemmeno conoscerti. Questi sono modelli di comportamento che dovrebbero destare sospetti perché sono adescamenti tipici dei predatori.

Gli psicopatici ricorrono comunemente al love bombing come tecnica di seduzione, al fine di poter conficcare gli artigli nelle prede. I complimenti, le dichiarazioni d’amore e gli incontri romantici attraggono e legano le vittime a sé. Si tratta, però, di un processo non reciproco. Dal momento che gli psicopatici si attaccano agli altri senza coinvolgersi emotivamente, sono le prede a legarsi e non il predatore. Queste tecniche accrescono la fiducia della vittima e la fa fanno diventare dipendente dalla fonte di energia che, nello specifico, è costituita dal corteggiamento, dalle parole e dai gesti romantici o da manifestazioni di affetto continuo e dal fare l’amore. In realtà, solo una persona sta facendo l’amore: la vittima. L’altra, il predatore, sta solo conquistando, sta rendendo l’altra parte dipendente dalla sua presenza e dalla sua validazione in modo da poterla fare a pezzi in un momento successivo. E’ questo il suo obiettivo principale: esercitare controllo sulle prede e, alla fine, danneggiarle. Il legame psicopatico è, come Sandra Brown scrive saggiamente, “una relazione dal danno inevitabile”. Quando si è in piena fase di luna di miele raramente si crede che la persona che sembra corteggiarci e amoreggiare con noi così intensamente, l’unica che dichiara di amarci intenda, in realtà, usarci, controllarci e alla fine distruggerci. Tuttavia, quando la relazione prende l’andatura normale l’obiettivo sottostante diventa più chiaro: lo psicopatico inizierà a farci focalizzare sulle nostre debolezze, a riferirci critiche (supposte) mosse da altri contro di noi. Inizialmente i rilievi (sempre supposti) non arriveranno da lui bensì da un nostro collega o dai nostri amici o dai componenti della sua famiglia. Poi, piano piano, inizieranno a venire direttamente da lui:forse dovremmo fare più sport o perdere peso o aggiustare il tipo di trucco. Oppure professionalmente non siamo abbastanza di successo o non siamo più eccitanti sessualmente. Poco a poco, critica su critica, lo psicopatico indebolisce la nostra autostima. E’ un processo che può completarsi in più mesi o essere molto doloroso e graduale, arrivando ad anni. E’ comunque estremamente efficace. Ci eravamo abituate alle lusinghe e alla validazione. In cosa stiamo sbagliando per non meritarle più? Il senso di chi siamo e la fiducia in noi iniziano a diminuire. E faremo il possibile per riacciuffare la sua approvazione o forse la sua idolatria. Il suo amore.

Morale della favola: se qualcuno è troppo euforico e assillante e ti riserva attenzioni eccessive all’inizio della relazione, generalmente significa che ti aspetta un futuro molto arduo, pieno di critiche e manipolazioni. Quando qualcuno inizia a bombardarti di affetto, non chiedere a te stessa: Come ho fatto ad essere così fortunata? Chiediti piuttosto: Cosa vuole da me? Nel legame psicopatico, la fase dell’idealizzazione, dei complimenti e delle  dichiarazioni di amore selvagge è di gran lunga la più pericolosa perché è così che lo psicopatico ti spinge a far dipendere la tua autostima da lui. Una volta che lo fai, gradualmente e incessantemente ti indurrà a incassare critiche sempre più negative al fine di sgretolare la tua identità e la tua autostima. E’ questa una dinamica che si verifica in tutte le relazioni di uno psicopatico. Non sarai l’eccezione che conferma la regola. Nessuna sarà mai il suo unico, vero amore indipendentemente da quanto lui, all’inizio, l’abbia corteggiata e abbia detto di amarla.

Traduzione Astra

https://psychopathyawareness.wordpress.com/2011/11/15/the-psychopaths-hook-love-bombing-sex-and-flattery/

11 thoughts on “Bombe d’amore

  1. Ricordo ancora bene la prima volta che mi disse che era innamorato di me la seconda volta che ci vedevamo. Replicai se lo diceva a tutte, perchè mi sembrava anomala una dichiarazione così precoce per una persona che conosceva poco.
    Seguirono ovviamente tutte le fasi del love bombing: “non sono mai stato così bene con una donna”, “sei speciale”, etc. Così si insinuò nella mia vita, attivando il mio lato narcisistico, compiacendomi delle lusinghe che mi riservava. Come da copione non durarono molto perchè seguirono le montagne russe che compromisero il mio equilibrio.
    Il mio problema attuale è che ho conosciuto un uomo che dopo un periodo di “anestizzazione” fisica ed emotiva si dimostra proprio il contrario.
    Nel senso che dopo il primo approccio durante il quale vi è stata un’attrazione molto forte da parte di entrambi, si mantiene abbastanza distaccato. Non so più che pensare. Sono io che non riesco più a decifrare una conoscenza “sana”, oppure sono incappata in una tipica “botta e via”? Che stato di confusione questi personaggi ti fanno sprofondare. Sento tanta tristezza.

    Liked by 1 persona

    • Credo che dopo una delusione cerchi nel prossimo caratteristiche contrarie a quelle che aveva il precedente. In realtà dovremmo imparare le lezioni senza andarci a rifugiare in altre situazioni sbagliate ma apparentemente rassicuranti in quanto opposte a quelle che ci avevano fatto soffrire.

      Mi piace

  2. Mi verrebbe da dire , ma conosci la mia ex? Ti faccio i più vivi complimenti per il tuo blog ,ne ho letti molti ,questo è ben fatto manca forse qualcosa sul narcisismo femminile.
    Confermo come ovvio quello che hai scritto ,2 giorni ed ero l’amore della sua vita ,un mese e cercava l’abito da sposa e la casa .Dichiarazioni roboanti di amore assoluto privi di ogni consistenza visto che non ci eravamo mai visti dato che la conobbi su un social. Purtroppo l’ho conosciuta poi e che conoscenza!!! Quasi 2 anni di bugie senza il minimo pudore,il suo stato di salute,si era praticamente inventa malattie per potermi controllare meglio ,dall’anoressia (vera ma non tanto ,depressione maggiore ,era pienotta più di oggi ), a problemi cardiaci ,polmonari, articolari(possibile SLA), allergie alimentari che passavano nell’arco di qualche giorno, di vista,di udito, alla circolazione sanguinea,finti collassi e altro ancora.
    Il tutto condito da stupende dichiarazioni d’amore incondizionato verso di me, il suo amore da sempre cercato ,colui che l’ha salvata da una vita misera (bohh).
    Ed invece aveva una doppia vita , grazie alla distanza mi manipolava come voleva ,ha impiegato più di un anno alla fine con le triangolazioni (grazie per il post illuminante) e un altra sua crisi (finta) di salute mi ha distrutto e ha cominciato a fare alla rovescia del love bombing. Ero sempre sbagliato,qualsisi cosa venisse da me ,anche respirare (non scherzo) era frutto di qualche mia manipolazione verso di lei diceva. Ho scoperto che mi tradiva alcuni mesi dopo la rottura (5 volte in un mese con sms mi ha lasciato la grande donna sensibile) , era coperta da una sua amica ,credo narcisista anche lei .
    Non ci fu nulla da fare per riprendere la situazione,aveva decisiso che io fossi un mostro e cosi è stato .Mi ha deriso e diffamato ,raccontando bugie su bugie pure che fossi un drogato ,non sò manco da dove questa accusa visto che come lei ben sapeva non prendo manco farmaci per via degli effetti collaterali .Mi sono preso :del border,narcisista,bipolare ,psicopatico assassino. Mi ero pure preoccupato e ho creduto di avere questi problemi ,ma il mio medico e gli psicologi si sono mesi a ridere spiegandomi che la mia ex ,non aveva problemi alimentari ma un Disturbo Borderline di personalità con tratti evidenti di Narcisismo patologico. Ho fatto leggere tutte le mail e gli sms suoi ,tutti i post dei social,ho raccontato per filo e per segno le cose successe con me e prima di me e anche dopo. La diagnosi era questa. La cosa buffa ma tragica è che me l’ho aveva detto tra le righe fin dall’inizio ,ma sotto bombardamento “d’amore” non ci avevo fatto caso.
    Mesi e mesi d’inferno per me e lei poveretta faceva la santa ,quella che è illuminata dallo spirito santo.
    Oggi per la legge del Karma,la santa non è più santa ,anzi. La principessa tutta sani principi,frequenta alcolizzati,spinellati,donnaioli di mezza tacca e altri personaggi di dubbia moralità. Cioè tutte le persone che lei mai e poi mai avrebbe voluto nella sua vita e non parliamo della promisciutà sessuale…
    Sempre alla ricerca di emozioni nuove,di conferme sociali e soldi e quindi gente ricca.Mi aveva giurato odiare le persone di questo tipo ,per lei contavano solo i sentimenti e le buone azioni. In verità non le ho mai creduto ciecamente,sempre avuto dei dubbi,era troppo di tutto e spesso le sue azioni non rispecchiavano i suoi principi morali.Però ci sono caduto alla fine ,quando mi ha visto veramente innamorato ha iniziato il suo gioco della distruzione. Arrivai a dirle che fosse era meglio rompere visto che non ero all’altezza ,perchè mi faceva sentire una nullità,non era mai abbastanza( e diceva che fossi io a criticarla) qualsiasi cosa facessi aveva sempre una critica da muovermi e infine anche i suoi amici hanno iniziato a battere contro di me.Visto che raccontava l’esatto opposto di quello che erano le mie intenzioni. Per un anno pur avendo lei chiuso ogni porta ,mi ha deriso su i social ,ha detto è scritto cose false ,ha fatto la vittima quando poi i fatti davano ragione a me e mi stupisco che tra i suoi fan che mi conoscevano nessuno abbia notato questa cosa.

    La cosa brutta è che negli ultimi mesi un altro poveretto è finito nel tritacarne.Usato come ripiego ,ingannato come solo un narcisita sà fare e poi buttato via per altri più fighi ,anzi per il FIGO di turno.
    E’ come da compione questo gran figo( alcolizzato,spinellato,mollato dalla fidanzata perchè perditempo) c’era già 2 anni fà ,l’aveva già puntato ,”un amico” .
    Mi spiace per il ragazzo che è stato fregato per l’ultimo,mi pareva strano,non era bello(condizione indispensabile per stare con lei),non era creativo,non ha una grande cultura è solamente buono.Tanto buono da credere di essere stato fortunato ad averla incontrata e di ricevere il suo amore .
    Fin ora lei è stata la peggiore esperienza di relazione amorosa che mi sia mai capitata nella vita e mai avrei potuto immaginare che una ragazza cosi dolce e tenera fosse cosi demoniace.
    Come beffa l’ultima volta che ci vedemmo mi disse : EHHH ,ma tu avresti dovuto capire come sarei diventata ,ti avevo lasciato tutte le tracce ma sei talmente stupido d’avere creduto che io fossi veramente come quella che hai conosciuto.
    In un tuo post dici che con gli psicopatici non si può vincere. Sbagliato si può, scegliendo di perdere si vince! La sconfitta in questo caso è la vita.

    Liked by 1 persona

    • Jerez ti prometto che prima o poi scriverò di narcisismo femminile. Mi sembra comunque che la tua situazione si adatti alla perfezioni alle dinamiche trattate in tutti gli articoli del blog. Quanto alla vittoria e alla sconfitta concordo con te che perdere questi personaggi equivale a vincere. Perché si sceglie di vivere.

      Mi piace

      • Anche nel mio caso il mostro è partito in quarta e con ogni stratagemma mentale e fisico mi ha portato ad innamorarmi nel giro di poche ore (si, avete letto bene, poche ore) dal primo incontro (prima aveva lavorato qualche mese a distanza riempiendomi la testa di quelle che si scoprirono dolomiti di balle). Poche ore. Incredibile (ero incredula pure io) ma vero. Il mio psicopatico, devo ammetterlo, è molto psicopatico. Raggiunge abissi impensabili. Comunque, volevo condividere un aspetto della mia esperienza della fase love bombing con il P per sentire se qualcuno di voi ha avuto pensieri simili. Il fatto è questo: io ero innamoratissima e lui si comportava e parlava come se lo fosse. Eppure VEDEVO che in lui mancava una cosa tipica dell’innamoramento reale: il vedere tutto sotto una luce positiva. È tipico dell’innamorato vedere le cose più belle di come sono in realtà. L’occhio dell’innamorato è carico di amore, appunto, ovunque guardi. È tipico che l’innamorato affronti i suoi soliti problemi con meno peso, tutto sembra piu semplice. Mi colpiva che l’occhio del mio P ‘innamorato’ non avesse subito questa metamorfosi temporanea. I suoi problemi erano lí a pesare come macigni (ovviamente potete indovinare che i problemi erano le ex pazze, i prepotenti e i cattivi che gli rendevano la vita miserabile, povero cucciolo indifeso). Io, povera cretina, arrivai persino a chiedere (ma pensate le risate che gli facevo fare dietro la maschera!) ‘sai che se non sentissi sulla mia pelle che sei innamorato di me, mi verrebbe da dubitare visto quanta pesantezza trascini nel quotidiano?’
        A qualcuno è passato un dubbio simile sotto bombardamento d’amore?

        Liked by 1 persona

      • C’è sempre qualcosa di sinistro che muovono nell’aria anche nella fase di love bombing. Anche quando tutto sembra perfetto e idilliaco, anche quando si perdono nel tuo sguardo pieni d’amore ci sono spie che si accendono a livello del nostro inconscio. Tant’è che dubitiamo delle nostre stesse percezioni per quanto possono sembrare fuori dal roseo contesto. Che sia la mancanza della luce positiva nei suoi occhi o il gelo negli stessi poco conta. I sospetti erano fondati e questa esperienza, che definirei ultraterrena, ci servirà da lezione.

        Mi piace

  3. Cara Giusy, come ha detto qualcuno è solo quando si esce di scena che si capisce il ruolo che si è svolto…ebbene, confermo anch’io la tua impressione. Non solo nella fase del love bombing, ma anche successivamente sono stata il cestino di tutta la sua spazzatura “emotiva”. Era un continuo lamento sulla sua ex, pazza ovviamente. Per troppo tempo ho indossato la divisa della crocerossina, anche se non mi capacitavo del motivo per cui i discorsi erano quasi sempre imperniati, nel bene o nel male, su questa cattivissima e indegna ex.
    Pure io, in qualche occasione, ho accantonato i miei problemi molto pesanti, tra l’altro, per non “sovraccaricarlo”. Ma quanto scema!!

    Mi piace

    • Hai detto bene Lucia.Cestini emotivi. Con le persone che li vogliono davvero bene si comportano cosi .Lamentele su ogni cosa,paure,frustrazioni,rabbia,sfiducia e ogni tipo di negatività. Poi si meravigliano che ci deprimiamo e ci manca l’ENTUSIASMO e la FELICITA’,al contrario dei vari amichetti/e con cui si accompagnano durante le loro ondo positive. Serviamo a questo per loro ,infatti nel momento in cui siamo noi ad avere un problema ,piccolo o grande ci prendono per dei falliti piagnucoloni,perchè un uomo o donna veri non si lamentano mai dicono loro….
      Sono dei Pazzi ma senza sentimenti .

      Mi piace

      • Jerez e Lucia, grazie per i vostri commenti. Infatti quello vedevo, sin da subito. Ero la persona con cui lui si lamentava delle sue sfortune e dei suoi problemi (tutti creati da lui agli altri). Ne usciva il quadro della povera vittima che se non era esattamente quello che mi aspettavo da un uomo innamorato aveva il suo alibi. Il gioco era quello di abbassare le aspettative sotto il livello solitamente tollerabile.
        Questa narrazione mi metteva per default nella posizione di chi non deve chiedere ne aspettarsi nulla dal partner, visto che questi è così gravato da problemi. In più, ero automaticamente chiamata alla comprensione, all’aiuto, al mettere da parte i miei problemi che anche nel mio caso erano davvero problemi (molti arrivati con lui e a causa sua).

        Mi piace

  4. Personalmente la prima fase mi ha lasciato non pochi dubbi.Forse ho sorvolato dato che ci conoscevamo da anni e c’era giá tra di noi una certa confidenza.Si puó dire che eravamo giá in forte sintonia.Nonostante tutto,e qui mi autopunisco,ho SEMPRE avuto,sin dall’inizio,una strana sensazione di disagio.Un segnale dall’inconscio inequivocabile.Mi ripeteva all’infinito di non abbandonarla e che avevo la sua vita nelle mie mani.Responsabilitá e aspettative forti,ma instillate.sicuramente in modo precoce.Mi chiedeva di abbracciarla fortissimo,tanto che avevo paura di farle del male…
    Fidatevi del vostro istinto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...